Archivi per la categoria ‘Approfondimenti’

Il fascino della trasformazione

Sono sempre stata affascinata dal cambiamento che alcune persone riescono a realizzare nella propria vita. Il prima e il dopo è un concetto che mi ha sempre attratto. Non intendo i cambiamenti esteriori del tipo “la ragazza con o senza trucco”, che risultano talvolta divertenti e che comunque nel romanzo in parte esistono. Mi riferisco ad un lavoro interiore, di sviluppo della propria personalità. Spesso le persone che riescono davvero a realizzare progetti e cambiamenti importanti, quasi radicali, posseggono una volontà ferrea che li porta  a raggiungere il proprio obiettivo.

Il romanzo è dunque improntato ad un cambiamento che colpisce i protagonisti. Sembrerà strano l’uso del termine “colpire”, di solito i cambiamenti si cercano e a volte si subiscono, ma per alcuni personaggi il termine mi sembra appropriato.  Sostanzialmente, nel romanzo, il cambiamento “volontario” viene attuato da Elizabeth che, per realizzarlo, necessariamente andrà ad interagire con altre persone. La sua volontà la porterà a desiderare il cambiamento anche di altri. Elizabeth arriverà davvero a modificre il corso della vita dei vari protagonisti.

Paul e James

Sono i protagonisti maschili, simili in tutto li separano solamente pochi anni e hanno la stessa mentalità a riguardo di come vivere la vita. Tra di loro c’è antagonismo e gelosia, soprattutto da parte di Paul nei confronti di James. A loro sono affezionata, perchè pensati contemporaneamente ad Elizabeth. Il titolo del romanzo fa riferimento alla protagonista, ma in fondo è un pò ingiusto perchè le due figure maschili hanno un impatto, sullo svolgimento della storia, che non è differente da quello di Elizabeth. Creare un personaggio è divertente e creare Paul lo è stato davvero molto. Ho cercato di renderlo leggero ma interessante, sensibile, un pò indifeso, con aspetti del carattere anche femminili; un tipo che ama la fisicità ma anche il sentimento, un uomo allegro che a tante donne farebbe piacere avere accanto. L’ho contrapposto a suo padre James e i conflitti tra i due nascono dalle loro uguaglianze.

Scrivendo di lei

Io sono Stefania e siete giunti nella casa di Elizabeth Reed.

Sono orgogliosa di accogliervi con un cordiale benvenuto. Elizabeth Reed è la protagonista del mio romanzo d’esordio e per me è diventata quasi una figura reale. Scrivendo di lei, e della sua meravigliosa avventura, mi sembra quasi di aver portato Elizabeth a una vita vera; ho spesso la sensazione di averla accanto, come una sorta di angelo custode.

Posso definirla davvero un angelo custode, perchè ho scritto questo romanzo in un momento particolare della mia vita, pieno di dubbi e insicurezze, e accanto a me c’era sempre la presenza di Elizabeth; lei e il romanzo mi hanno permesso di non abbattermi, travolta da tristi pensieri. Devo dire che scrivere il romanzo è stata davvero un’avventura meravigliosa e la trama è stata immaginata per la maggior parte ascoltando musica, nel silenzio e nella solitudine del mattino, in estate quando presto sorge il sole e in inverno quando le giornate sono buie e il sole si alza tardi.

Elizabeth si è materializzata di notte e tra me e lei si è venuto a creare come un rapporto confidenziale, intimo, fino a fare mie alcune sue sensazioni e viceversa. Il personaggio è davvero di pura fantasia, come del resto lo sono tutti gli altri personaggi, ma per Elizabeth ho davvero un debole, potrei definirla il mio avatar.

Spero che di lei vi possiate “innamorare”, esattamente come succede nel romanzo a tutti quelli che arrivano a conoscerla.